About This Project

Chiara ci ha lasciati all’età di 38 anni a seguito di una faticosa e incurabile malattia, che tuttavia non le ha mai tolto il sorriso, l’attenzione agli altri, l’amore per la vita ed è stata in questo senso un esempio per tutti noi.

Ha lasciato i suoi due amatissimi figli verso i quali ha sempre posto tutta l’attenzione e l’energia possibile affinché vivessero sempre con serenità anche i momenti più difficili, trasmettendo loro la sensibilità per gli altri.

Proprio questo suo entusiasmo nel servire la vita, e in particolare quella dei più piccoli, ci ha motivati a proporre questo progetto di ADOZIONE A VICINANZA” di mamme sole con bambini che sul nostro territorio si trovano in situazioni di particolare  difficoltà e disagio.

A chi si rivolge il progetto?

A persone singole, famiglie, gruppi, parrocchie ecc.

Come funziona?

Offrendo la propria disponibilità al Centro Diocesano Aiuto Vita a sostenere per un periodo di un anno una mamma e il suo bambino con un versamento che potrà essere variabile, partendo da una quota minima mensile di 50 euro da effettuarsi attraverso bonifico continuativo o bollettini postali (vedi coordinate nell’ultima pagina). Sulla base dell’impegno assunto verrà fatto l’abbinamento e sarà proposta la situazione al donatore, in anonimato, inviando, con il consenso della mamma, una foto del bambino o bambina.

Periodicamente verrà dato un aggiornamento della situazione e si informerà sugli interventi e sugli aiuti fatti.

Perché questo nuovo progetto?

Sono veramente molte le situazioni che si presentano al Centro ed è difficile rispondere ai tanti bisogni soprattutto quando ci troviamo di fronte a mamme sole, bisognose di tutto, anche di beni di prima necessità.

Le persone che vivono situazioni di difficoltà sono aumentate anche in seguito alla crisi, ma le mamme sole con i loro bambini appena nati non possono neppure  lavorare o cercare un lavoro, perché devono dedicarsi al proprio bambino, alcune di loro anzi hanno perso lavori, spesso precari,  proprio a seguito della gravidanza. Nello stesso tempo non possono  dormire dovunque, non possono non  avere la luce  o il gas in casa, o gli alimenti necessari per il bambino.

Pensiamo di condividere con voi che la vita è sempre un dono, ma dobbiamo poterlo dire anche a queste mamme, sole e povere  e pensiamo che l’unico modo, accanto alla vicinanza umana, sia quello di sostenerle nella necessità, evitando così lo sconforto e talvolta la disperazione.

Aiuta anche tu una mamma in difficoltà, scegli di sottoscrivere il progetto Chiara

Chiara dal cielo ti benedirà perché sappiamo che ne sarebbe contenta. Una mamma potrà dire che tu, proprio tu, famiglia, gruppo, la stai aiutando. Si sentirà più sostenuta e incoraggiata, guarderà negli occhi il suo bambino con un po’ di serenità in più, e questo non è poco!

Noi continueremo a seguirla come facciamo ormai da trent’anni con il nostro impegno a sostegno della maternità.

 

Progetto Chiara

Per il sostegno a distanza di una mamma e il suo bambino.

Category
pro